DOCUMENTI ARCHIVIO COMUNALE DI BUCINE, ANNI 1943-1948

 

DOCUMENTI

SERIE 464-509

 

 

Busta “1945, 464, cat. II, Spedalità” Files 298-331

Commissariato per l’Epurazione , Deputazione per la Provincia di Arezzo. Regole per epurazione fascisti. (16.03.45)

Orfani dei morti uccisi dai tedeschi e bisognosi. Richiesta dati dall’Opera Nazionale per gli Orfani di Guerra (10 aprile 1945).

Richieste di vedove e mogli prigionieri per assistenza. (gen. ago. 1945)

Richiesta di suore per asilo comunale (17 aprile 1945).

Sezzatini Angiola ved. Ciofi chiede sussidio (03.08.45).

Palazzini Clara, moglie del prigioniero civile Alessandro Pianigiani fa intercedere il sindaco per ottenere un assegno dal governo (20.01.45).

Assunta Torrini ved, Pozzuoli esce dal manicomio (23.02.45).

Distribuzione soccorsi UNRRA popolazione scolastica (19 giugno 1945).

Lettera della sezione di Bucine del PCI per far ottenere compenso a Olinto Picchioni, custode del Collegio maschile del paese. (25 luglio 1945) Risponde affermativamente il Comune (5 agosto ’45)

9 giugno 1945: ricorrenza strage di San Leolino con 10 capifamiglia trucidati.

Costituzione Comitato Comunale di Assistenza, lettera alla Marchesa Tecla Bartolini Baldelli perché ne accetti la presidenza. Segue corrispondenza sul tema.

Statuto Comando Divisione Patrioti “Arezzo”. Costituzione del Comitato di assistenza famiglie caduti e vittime azioni terroristiche nazi-fasciste (319-322).

Non si trova lastra di marmo per la commemorazione delle vittime di San Pancrazio. Lettera del sindaco al parroco don Angiolo Pecchi (13 giugno 1945) (323).

Lettera del sindaco di Bucine all’Allied Screening Commission per encomiare l’aiuto portato a prigionieri inglesi da Alfredo Torzini (12 giugno 1945).

Ricovero del figlio di Panzieri Bianca, vedova di Francesco, trucidato dai tedeschi, all’Istituto “Figli d’Italia” di Monterotondo. (19 aprile 1945) (325-326-331)

Sussidio agli orfani del dr. Alberto Corsi e ricovero di uno dei figli in Istituto. (23 luglio 1945) (328-329-330)

 

 

Busta “1945, 465, cat. II, Corrispondenza” Files 332-348

Assistenza famiglie vittime e sinistrati di guerra, tra cui quelli di San Pancrazio.(gen. mar. 1945)

Sussidi agli sfollati. Circolare del Prefetto Bracali (26 dic. ’45).

Circolari varie su formazione Comitati locali ENDSI, sussidi, indennità di bombardamento ecc.

Nessuna epurazione Comune di Bucine. (14 febbraio 1945)

Comitato ECA. Nomina componenti (13 dicembre 1944). Presidente Gabriello Signorini. Per San Pancrazio il referente era don Angelo Pecchi.

Corrispondenza varia su ECA.

 

 

Busta “1945, 465, cat. II, Domande sinistrati” Files 349-371

Varie richieste di sussidio sinistrati e vittime di guerra (Agnolotti Luisa ved. Baldetti, Baldi Dario, Baldi Primo, Bossini Maria ved. Mealli, Del Cucina Annunziata ved. Picchioni, Ensoli Giuseppe, Sguazzini Norma ved. Gori, Scortecci Alvaro, Nannini Margherita, Nepi Tito). Tra loro donne di San Pancrazio (Rosa Cardinali, Norilia Nannini etc.) ma anche mogli di deceduti per mine (Ircani Assunta ved. Fabbri, Frosinini Enrichetta ved. Cantucci ), investimenti (Erina Castellucci, Nella Galardi ved. Mini), mutilati etc. (febbraio-giugno 1945)

Richiesta sussidio per vedova di vittima 9 luglio ’44, Caterina Dainelli. (4 aprile 1945)

 

 

Busta “1945, 465, cat. II, Natale '45” Files 372-382

Richiesta di pacchi natalizi e sussidi di Luigi Boschi,Gina Magnani,Angiolo Provvedi. Tra loro Gioconda Artini ved. Baldi, con due figli fucilati il 4 luglio 1944 a Tulliano di San Pancrazio [29 novembre 1945] e donne di San Pancrazio [Pia Agnelli ved. Masi, Novilia Masi nei Nannini].

 

 

Busta “1945, 465, cat. II, Sussidi straordinari” Files 383-396

Richieste di sussidi (Ersilia Scala, ved. Debolini, Ricci Gino, col figlio Giorgio ucciso da un veicolo inglese, Provvedi Angiolo, Rosa Del Cucina, Bartoli Angiolo, Gina Magnani, Fabiano Fagiani, Erranti Eligio). Tra loro vedove, padri e madri di vittime di guerra (Raffaello Del Cucina, Nazzarena Cardinali ved. Tiezzi, Arrigucci Rina ved. Gambini, Pinzuti Camillo). (aprile-settembre, ottobre 1945)

 

 

Registro “1945, Deliberazioni della giunta” Files 397-421

Deliberazioni giunta comunale di Bucine anno 1945. Formazione Commissione elenco poveri e Commissione per gli alloggi, fine agevolazioni per impiegati fascisti (14 febbraio 1945).

Elenco dei martiri del 29 giugno (29 giugno 1945)

Intitolazione vie e targhe ai martiri delle stragi ad Ambra e San Pancrazio. (11 maggio 1945)

Intitolazione Vie e Piazze della frazione di San Leolino (23 giugno 1945).

 

 

Registro “1946-1947, Deliberazioni della giunta” Files 422-424

Lapide ricordo dei 115 trucidati dai nazi-fascisti. (26 gennaio 1946)

 

 

Busta “1946, 496, cat. II, cl. IV” Files 425-487

Lettera del Comando tedesco al Podestà di Bucine per eseguire lavori di strada (29 maggio 1944). Con originale in tedesco.

Lettera della Questura di Firenze che preannuncia il ritorno di una prostituta, Erpici Iolanda, con foglio di via dall’Ospedale di S. Maria Nuova dove si è curata per una malattia venerea. (26 aprile 1944)

Lettera di Rao Torres che decreta l’inalienabilità dei beni appartenenti a soggetti di razza ebraica (18 febbraio 1944) (432). Segue corrispondenza tra prefettura e Comune su beni c.s. presenti nel territorio di Bucine (433-437) (Aleardo e Amerigo Borghi, Gilda Orefice, Augusta Perrin Provenzal.)

Coprifuoco decretato dalle truppe alleate (10 gennaio 1945).

“Fanciulli abbandonati”. Lettera della Questura di Arezzo su bambini che chiedono elemosina ai soldati alleati. (29 novembre 1944)

Sorveglianza tronco ferroviario Firenze-Roma per conto della “Gendarmeria Germanica”. (30 maggio 1944). Risposta del Podestà che dichiara di non aver trovato nessun civile disponibile. (4 giugno 1944)

Lamentele sulla presidente dell’UNRA Valenza Palazzini Sguazzini. (27 febbraio1946 – 1 e 7 marzo 1946, sd e 20 febbraio 1946)

Autodenuncia di fascista rastrellatore, Erpici Alberto. (14 maggio 1945)

Cooperativa del Popolo di Bucine. (6 gennaio 1946)

Lettera dell’UDI di Arezzo su refezione e colonia per bambini. (8 agosto 1946)

Lettera al Prefetto di Arezzodelle famiglie di San Pancrazio che si trovano “in miseria nera” per la sospensione del sussidio, che invece viene pagato a Civitella a cura dell’ECA. (13-23 maggio 1946)

Tre nominativi di vittime della rappresaglia nazi-fascista per concessione sussidio. (17 - 23 maggio 1946)

Lettera al Sindaco di Bucine che lamenta come siano stati interrotti i sussidi alle vedove di San Pancrazio. (12 agosto 1946)

Vari altri documenti circa i caduti e i sussidi alle loro famiglie. [458-459]

Centro di Assistenza UNRRA di San Pancrazio sui sussidi necessari a 60 bambini di San Pancrazio mentre li ricevono soltanto in 40. (1 ottobre 1946)

Fantoni Romana, moglie di vittima della strage del 29 giugno è ricoverata in manicomio in seguito alla strage stessa. Si richiede un sussidio per le spedalità. (30 ottobre 1946)

Lettera del Sindaco di Bucine al Ministro Post-bellico perché conceda un contributo per la costruzione di una chiesa parrocchiale con cripta ed ossario a San Pancrazio. (29 settembre 1946)

Corrispondenza varia UNRRA.

Lettera al Comm. Pierangeli per intercedere per l’ammissione “in qualche istituto” di Avilmo Poggi, orfano di una vittima del 29 giugno. (9 settembre 1946)

Altra lettera a Pierangeli perché interceda per le vedove di San Pancrazio (13 maggio 1946)

Lettera del Sindaco di Bucine al Comitato Nazionale Pro-vittime politiche perché conceda un sussidio alle vedove di San Pancrazio. (13 maggio 1946)

Santino “Christmas 1942”in inglese, con citazione di Pio XII sui prigionieri di guerra, annotazioni di soldato alleato e canto “Adeste fideles”. [470-471-472-473-474]

Composizione Comitato di Distribuzione Indumenti di Ambra. (29 marzo 1946)

Pacchi indumenti per orfani di San Pancrazio. (8 febbraio 1946)

Corrispondenza varia su richiesta sussidi per vittime di strage. (Meacci Armida vedova di Attilio Fantini [18 maggio 1946] ed altri) (aprile-maggio 1946)

 

 

Busta ”1946, 509, cat. VIII, Qualifica partigiano” Files 488-497

Riconoscimento della qualifica di Caduto per la lotta di liberazione e per quella di Partigiano. [491-493-495-496]

Lettera dell’Associazione Nazionale Pensionati civili e militari. (2 gennaio 1946)

Elezioni sezionali Associazione Nazionale Combattenti e Reduci. (20 agosto 1946)

Lettera di scuse del Vice sindaco di Bucine per l’assenza di rappresentanti del Comune alla commemorazione delle vittime di San Leolino. (10 luglio 1946)